(AGI) - Mosca, 16 ott. - Alla vigilia dei suoi incontri a Milano sulla crisi ucraina, il presidente Vladimir Putin ha richiamato l'attenzione sul problema delle forniture energetiche all'Europa. "Se parliamo delle prospettive future della esportazioni di gas dalla Russia all'Europa e' ovvio che il problema del transito attraverso il territorio ucraino esiste ancora", ha sottolineato in un'intervista al quotidiano serbo Politika, prima della sua visita oggi a Belgrado. "Una soluzione ovvia e' diversificare le rotte di approvvigionamento", ha spiegato il leader del Cremlino, tornando a chiedere all'Ue di "sbloccare la situazione con il South Stream", il progetto di gasdotto che dovrebbe portare il gas russo al Vecchio Continente, senza passare per l'Ucraina. "Siamo convinti che questo progetto dara' un contributo significativo alla sicurezza energetica europea - ha dichiarato - Da questo trarranno beneficio tutti: sia la Russia, che i consumatori europei". (AGI) Ruy/Fra