(AGI/REUTERS) - Mosca, 18 set. - La Russia non tagliera' l'export di gas all'Europa questo inverno per evitare che altri Paesi rivendano il suo prodotto all'Ucraina, attraverso la pratica dell'inversione di flusso di gasdotti. Lo ha dichiarato al giornale austriaco Die Presse il ministro dell'Energia russo, Aleksandr Novak. "Questo e' escluso", ha risposto Novak a una domanda sulla possibilita' che Mosca limiti le esportazioni al Vecchio Continente per tagliare anche i rifornimenti a Kiev, verso la quale le consegne di gas sono state interrotte da meta' giugno nell'ambito di una dura disputa sui prezzi. Novak ha detto poi di aspettarsi che il prezzo del petrolio si stabilizzi intorno ai 100 dollari al barile per fine anno, aggiungendo che "non e' una tragedia" il fatto che oggi sia inferiore a questa soglia. A suo dire, non vi e' ragione oggettiva perche' scenda sotto i 90 dollari. (AGI) Ruy/Mau