(AGI/INTERFAX) - Mosca, 22 ott. - Mosca non vede particolare volonta' da parte della Commissione europea di organizzare il finanziamento dell'acquisto di gas russo per l'Ucraina. Lo ha dichiarato il ministro per l'Energia russo, Aleksandr Novak, che ieri ha partecipato alla giornata di negoziati con Kiev e Ue sulla questione del debito e del prezzo del gas e in cui la Federazione ha chiesto garanzie sul pagamenti promessi dall'Ucraina. "Abbiamo proposto ai nostri colleghi di valutare le possibilita' della Banca europea per la ricostruzione e sviluppo, della Banca europea per gli investimenti, dell'Fmi e di altre istituzioni finanziarie internazionali. - ha dichiarato Novak - Le risorse ci sono, ma per ora non vediamo desiderio di lavorare in questa direzione da parte dei colleghi europei, che nell'arco di questi sei mesi dovevano gia' occuparsi della ricerca di risorse finanziarie per garantire la solvibilita' dell'Ucraina". Il ministro ha poi ribadito che il regime di pagamento anticipato per le prossime consegne di gas a Kiev - interrotte a giugno da Gazprom - durera' fino al saldo del debito. (AGI) Ruy/Mau