(AGI/INTERFAX) - Mosca, 3 giu. - La Russia ritiene che via sia una concreta possibilita' che l'ucraina Naftogaz paghi una parte consistente del suo debito (circa 2 miliardi di dollari) per le forniture di gas entro questa settimana. Come ha riferito il ministro dell'Energia russo, Aleksandr Novak, si tratta di 1,451 miliardi di dollari per le consegne di metano risalenti a novembre-dicembre 2013, piu' i pagamenti di aprile-maggio, che ammontano a 500 milioni di dollari. "Abbiamo udito la volonta' di pagare le consegne dei mesi di novembre e dicembre e di parte dei 500 milioni di dollari per aprile e maggio entro il 9 giugno", ha dichiarato Novak in un'intervista al canale Rossia-24. "Estinguere il debito per novembre e dicembre - a detta del ministro - e' un passo avanti in quanto, ancora venerdi' scorso, questo era contestato dalla parte ucraina". Kiev ha versato la settimana scorsa 786,4 milioni di dollari per le forniture di gas naturale di febbraio e marzo. Gazprom - che reclama arretrati per 3,5 miliardi di dollari - ha spostato dal 3 al 9 giugno l'introduzione del regime di pagamenti anticipati. (AGI) Ruy/Mau