(AGI/INTERFAX) - Mosca, 13 giu. - L'Ucraina e' pronta a pagare 1,9 miliardi di dollari di debito pregresso a Gazprom, a condizione di un accordo sul prezzo provvisorio del gas russo a 326 dollari per mille metri cubi. Lo ha reso noto, in conferenza stampa, il numero uno della societa' ucraina Naftogaz, Andriy Kobolev. A suo dire, il prezzo di 326 dollari proposto dall'Ue "non e' di mercato", ma Kiev e' comunque disposta a un compromesso, "mantenendo per esempio tale tariffa per un anno e mezzo, in modo da trovare durante questo periodo un accordo definitivo". Questa settimana, la Russia ha proposto all'Ucraina uno sconto sul gas di 100 dollari per mille metri cubi dai 485 dollari attualmente richiesti. Il premier ucraino Arseni Yatseniuk, ha definito l'iniziativa "inaccettabile''. Kiev insiste sulla necessita' di portare il prezzo a 268,5 dollari per mille metri cubi e di fissare lo sconto nel quadro di contratti riformulati. Sul piano di rimborso del debito di Naftogaz e sul prezzo del metano russo sono aperti colloqui trilaterali tra Ucraina, Russia e Ue, al momento in stallo. Il ministero dell'Energia di Mosca ha fatto sapere che non sono previsti ulteriori round negoziali, fino a lunedi' mattina, quando scadra' l'ultimatum dato a Kiev prima di passare al regime di pagamento anticipato per le consegne di gas e a possibili tagli alle forniture. (AGI) Ruy/Pit