(AGI) - Terni, 14 mag. - Il consiglio di amministrazione di TerniEnergia ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo con ricavi pari a 10,4 milioni di euro (8,7 milioni al 31 marzo 2013), EBITDA a 4,6 milioni (1,1 milioni) e l'utile netto di 0,7 milioni (1,6 milioni). Sono stati inoltre approvati i contratti di EPC, fornitura e sub-appalto per due impianti fotovoltaici in Sudafrica per complessivi 148,5 MWp. Stefano Neri, presidente e amministratore delegato di TerniEnergia, ha commentato: "I risultati del primo trimestre 2014 rappresentano una fotografia del processo evolutivo in corso del Gruppo con un ritorno alla crescita del fatturato e della marginalita', che riflette la correttezza delle scelte strategiche in direzione dell'internazionalizzazione e della diversificazione dei business. Si conferma sempre piu' importante il contributo portato dal rendimento degli asset di proprieta' del Gruppo dedicati alla power generation, che contribuiscono in maniera determinante ai risultati del trimestre, accanto alle buone performance delle attivita' ambientali e di O&M. TerniEnergia, anche in virtu' degli scenari aperti dall'accordo siglato con Al Hamed Group nei Paesi del Golfo e da quello sottoscritto con Free Energia per l'avvio della trattativa di acquisizione, guarda con crescente ottimismo alle prospettive di medio periodo. In particolare, la societa' punta a rafforzare il proprio processo di internazionalizzazione ed a riprendere un percorso di crescita in Italia nei dinamici settori della smart energy e dell'energy efficiency. Accanto alle opportunita' strategiche, che porteranno alla elaborazione di nuovo piano industriale, da definire a seguito dell'auspicabile positiva conclusione dell'operazione con Free Energia e dell'acquisizione del 100% di Lucos Alternative Energies, notevole visibilita' per le attivita' industriali del Gruppo e' garantita dalle importanti commesse in fase di avvio in Sudafrica e dalla programmata realizzazione di nuovi impianti ambientali in Italia". (AGI) Red/Ccc