(AGI) - Lecce, 6 mag. - "Nonostante le rassicurazioni del viceministro De Vincenti - rileva il presidente di Ance Lecce Giampiero Rizzo - l'idea che dopo tanto lavoro, incontri, analisi del progetto, il gasdotto venga realizzato altrove rappresenterebbe una grande sconfitta per il sistema economico e, soprattutto, chi e' intenzionato ad investire nel nostro territorio potrebbe esserne scoraggiato". Il gasdotto trans-adriatico Tap dovrebbe portare in Europa, con approdo sulle spiagge di San Foca, marina di Melendugno, il gas proveniente dalla zona del Mar Caspio. Confindustria Lecce e Ance Lecce ritengono che il progetto debba essere realizzato nel massimo rispetto dell'ambiente e con la condivisione del territorio, senza che pero' vengano alzati steccati puramente ideologici o alimentati da preconcetti, ritenendo necessario che la politica ed i governi ad i vari livelli prendano le decisioni richieste, istituendo finalmente un tavolo nazionale che chiuda in tempi rapidi e certi la fase istruttoria e di ricognizione.(AGI) Le2/Sec