(AGI/REUTERS) - Belgrado, 29 mag. - La costruzione della parte serba del South Stream iniziera' a luglio. Lo ha detto Alexander Syromyatin, deputy head of project management di Gazprom. Per la Serbia, dipendente quasi completamente dal gas russo, si tratta di una infrastruttura fondamentale. La sezione serba della pipeline dovrebbe stendersi per 422 km e dovrebbe avere una capacita' di 40,5 miliardi di metri cubi di gas all'anno. L'infrastruttura sara' gestita da una jv tra Gazprom (51%) e la societa' serba Srbijagas (49%). La pipeline, lunga 2.500 km, portera' il gas russo in Europa senza passare dall'Ucraina, partendo dal Mar Nero e attraversando la Bulgaria, la Serbia, l'Ungheria e L'Austria che si e' aggiunta di recente. La pipeline, che dovrebbe soddisfare oltre il 15% della domanda annuale di gas europea, dovrebbe cominciare a pompare metano verso l'Europa dal 2018, anche se allo stato mancano diverse approvazioni per aderire alla legislazione europea. (AGI) Gin