Un team multidisciplinare di ingegneri dell’Università di California di San Diego ha realizzato un assorbitore solare in grado di  convertire in calore oltre il 90% della luce catturata. Un materiale quindi che riesce ad assorbire tutta la luce incidente, resistendo a temperature di 700° e all’umidità.Il team in pratica ha realizzato delle minuscole conchiglie in silicio rivestite da uno strato di boruro e capaci di migliorare l’assorbimento dei fotoni di luce. Queste nuove nano conchiglie inoltre sono state realizzate in forma di vernice spray in modo da essere epplicate più facilmente sui collettori solari termodinamici. La tecnica più diffusa di solare a concentrazione, infatti, si basa proprio su una lastra di rame su cui viene verniciata una serpentina capace di catturare i fotoni e ridurre al minimo la perdita di luce.