(AGI) - Londra, 10 set. - Gli impianti per lo sfruttamento dell'energia delle maree e delle correnti sottomarine stimoleranno investimenti, nei prossimi anni, per almeno 40 miliardi di sterline, circa 50 miliardi di euro. E' la previsione di un gruppo di studiosi dell'Universita' di Lancaster che ha condotto alcune ricerche insieme ad aziende private del settore, come West Energy Squared. Intervistato dalla Bbc, l'accademico George Aggidis ha spiegato come il piano di costruire impianti di questo tipo nelle aree di Morecambe Bay, Ribble, Mersey e Dee possa portare, in futuro, alla produzione di energia sufficiente a illuminare cinque milioni di abitazioni nel nord-ovest dell'Inghilterra, nell'area di Liverpool e Manchester. (AGI) Gby/Pit (Segue)