(AGI/REUTERS/AFP) - Parigi, 11 set. - La debole crescita in Europa e il rallentamento della Cina hanno portato l'Agenzia Internazionale per l'Energia (Aie) a ridurre di 65 mila barili al giorno le stime sulla crescita della domanda di greggio globale, portandole a 900 mila barili al giorno. Riviste al ribasso (100 mila barili in meno) anche le stime per il 2015: ora e' prevista una crescita della domanda pari a 1,23 milioni di barili al giorno. Secondo l'Aie "l'abbondante offerta, l'indebolimento della crescita della domanda e la continua crescita della produzione statunitense stanno limitando l'impatto sul petrolio dei conflitti nei paesi produttori". (AGI) Rme/Mav