(AGI) - Roma, 27 giu. - Nel 2013, Gazprom ha esportato 162,7 miliardi di metri cubi di gas in Europa e Turchia - una cifra record nella storia delle forniture russe e sovietiche. Rispetto all'anno precedente, Gazprom ha aumentato le sue forniture all'Europa del 16,3%. Gazprom partecipa a 35 progetti internazionali di esplorazione e produzione. Per esempio, nel 2013, le controllate di Gazprom hanno condotto esplorazioni geologiche in Serbia, Romania, Ungheria e Algeria. Date le recenti preoccupazioni riguardo alla sicurezza degli approvvigionamenti, Gazprom sta anche progettando l'espansione della sua rete di strutture di stoccaggio all'estero. In Europa, Gazprom ha accesso a volumi di gas nelle strutture austriache, britanniche, tedesche, serbe e lettoni. All'inizio della stagione invernale 2013, Gazprom poteva contare su 51 milioni di metri cubi di gas al giorno dalle sue strutture di stoccaggio. Nel 2013, il progetto del South Stream - prosegue la nota di Gazprom - ha visto "numerosi importanti sviluppi". In ottobre, e' stato saldato il primo tubo in Bulgaria, mentre in Serbia i lavori sono iniziati a novembre. Sono stati selezionati i fornitori delle tubature per le prime due linee della sezione offshore e sono stati stipulati contratti con aziende italiane e svizzere per la posa dei tubi per le prime due linee. La costruzione del gasdotto nel Mar Nero iniziera' il prossimo autunno e il South Stream sara' operativo a partire dal 2015. (AGI) Fra