(AGI) - Roma, 17 ott. - Serve una strategia comune europea per "rendere il sistema del gas piu' interconnesso, piu' flessibile e soprattutto piu' sicuro". L'esortazione arriva dall'amministratore delegato di Snam, Carlo Malacarne, secondo cui gli stress test pubblicati dalla commissione di Bruxelles "rendono manifesta la necessita' di un maggior coordinamento tra Paesi, nonche' di una migliore interconnessione tra i sistemi nazionali e della rimozione delle restrizioni agli scambi energetici transfrontalieri". In un intervento pubblicato sul Wall Street Journal, il top manager afferma che "le potenziali carenze di approvvigionamento, una sempre maggiore dipendenza dalle importazioni e la crescente concorrenza a livello mondiale sul gas naturale liquefatto - soprattutto in presenza di economie asiatiche che stanno crescendo rapidamente - mettono in primo piano l'esigenza, per l'Europa, di dotarsi di forniture stabili di gas. Ed evidenziano, in particolare, la necessita' di un mercato comune europeo del gas naturale, al fine di garantire che l'Ue possieda sia le capacita' di stoccaggio sia quelle di consegna per poter assorbire qualsiasi interruzione degli approvvigionamenti". (AGI) Mau (Segue)