(AGI) - Verona, 23 ott. - "L'assenza di relazioni fra Europa e Russia crea rischi per milioni di consumatori" e per questo "servono regole chiare" ed e' necessario "instaurare un altro tipo di cooperazione energetica, che sia legato alla sicurezza e agli interessi reciproci di produttori e consumatori". A sostenerlo il presidente e ad di Rosneft, intervenendo al III Forum Eurasiatico in corso a Verona, precisando anche come "dobbiamo guardare avanti di 20 anni". Per Sechin le "societa' energetiche non devono essere soggette a intrusioni politiche", come per esempio, a suo dire, avviene con la norma Ue dello scorso luglio "che vieta alle persone fisiche e giuridiche russe di chiedere il rispetto dei loro diritto contratturali". "Chi agisce contro le leggi naturali economiche dei mercati va contro a se stesso", ha aggiunto Sechin, secondo cui il 'vento in poppa', sia per l'Europa che per la Russia, "e' la sinergia naturale che unisce le nostre economie e i nostri affari". (AGI) Ve1/Fra