(AGI) - Roma, 28 mar. - "La gente dice - ha sottolineato Scaroni al "Washington Post" - che anche la Russia ha bisogno di noi. Ma noi abbiamo bisogno del gas russo ogni giorno, mentre loro possono anche permettersi di saltare un anno" di pagamenti. "E' un livello diverso di urgenza e dipendenza". L'ad di Eni ha osservato che "il Gnl dall'America ci mettera' 5-6-7 anni, non 5 mesi" ad arrivare in Europa. Inoltre, "economicamente, non e' chiaro chi investira' in esportazioni di Gnl dall'America poiche' questo gas, all'arrivo in Europa, corre il rischio di essere piu' caro del gas russo. Il gas americano costera' 9 dollari per Mbtu quando arriva in Europa. Noi producevamo gas in Siberia fino a qualche mese fa. Ne conosciamo i costi. Sono meno di $0.5/mbtu". "Certo - ha concluso - se ci fossero delle sanzioni che rendessero illegale comprare il gas russo, sarebbe diverso. Ma non ho l'impressione che siamo a questo punto. E anche se ci fossimo, le sanzioni durerebbero per sempre? Spero di no. Ma l'investimento per costruire un liquefattore negli Stati Uniti si ripaga in 20 anni, non in 20 mesi". (AGI) Gin