(AGI) - Londra, 4 giu.- Regole piu' morbide per le esplorazioni e il fracking. Un ulteriore via libera alle industrie di shale gas e shale oil e' arrivato oggi dal discorso che la regina ha tenuto all'apertura dell'anno parlamentare, tradizione che va avanti dall'800 e che vede la sovrana leggere le leggi in arrivo nell'anno a venire. In particolare, le nuove norme attese nei prossimi mesi consentiranno alle aziende di esplorare sotto le abitazioni dei britannici con meno restrizioni. In molti casi, cosi', anche se non in tutti come prevedeva la stampa questa mattina, non sara' nemmeno necessario chiedere un permesso per il "trespass", lo sconfinamento nei terreni privati. Introdotta comunque una condizione: secondo quanto letto dalla regina, nel caso di grandi operazioni esplorative sara' comunque necessaria una previa consultazione delle popolazioni locali. Secondo le attuali leggi, una richiesta di consenso ai proprietari delle abitazioni e' necessaria, ma con la prossima norma per le trivellazioni - che in alcuni casi si possono estendere orizzontalmente anche per tre chilometri di raggio rispetto al sito - sara' quindi presto possibile operare piu' facilmente. A maggio una commissione della camera alta del parlamento britannico, quella dei lord, aveva parlato di shale gas e shale oil come "priorita' nazionale" e nuove campagne saranno presto avviate nel Lancashire e nell'Inghilterra meridionale. Previste nel "bill", inoltre, nuove agevolazioni per gli impianti nel Mare del Nord. (AGI) Gby/Pit