(AGI) - Roma, 21 mag. - L'accordo tra Cina e Russia grazie al quale Mosca fornira' a Pechino 38 miliardi di metri cubi di gas all'anno per 30 anni, "e' una mossa intelligente di Putin" che "spariglia il mondo occidentale". Lo dice all'AGI l'economista ed esperto di energia Alberto Clo' che cosi' commenta l'intesa siglata tra la russa Gazprom e la cinese CNPC, intesa che partira' dal 2018. Per l'ex Ministro dell'Industria, "l'accordo dimostra la grande lucidita' e intelligenza strategica di Putin, e sottolinea suo malgrando l'inerzia e l'inconcludenza" delle decisioni anche dell'ultimo G7 che, di fronte alla crisi attuale, "ha mostrato inerzia. Nell'ultima riunione - spiega Clo' - non si e' deciso niente, non ha dato risposte". Certo, osserva, "bisognera' vedere ora come si sviluppera'" l'accordo anche in termini di investimenti ma per il momento "ha palesato la contrapposizione di interessi in Europa senza arrivare ad una posizione definita. Questa mancata posizione insomma ha mostrato cosi' tutta la sua vacuita' rafforzando invece il potere negoziale di Putin". (AGI) Pit (Segue)