(AGI) - Roma, 6 mag. - "Il miglioramento continuo della sicurezza nei luoghi di lavoro - spiega la nota - non puo' prescindere dallo sviluppo e applicazione di buone pratiche di carattere tecnico, organizzativo e formativo, attraverso approcci metodologici innovativi che tengano conto delle evoluzioni tecniche, normative e dell'organizzazione del lavoro". Confindustria Energia rappresenta 44 aziende che applicano il Ccnl Energia e Petrolio, per un totale di circa 31.000 dipendenti. Le attivita' di riferimento di tali aziende riguardano: raffinazione, distribuzione, commercializzazione dei prodotti petroliferi; cogenerazione/produzione di energia elettrica; esplorazione e produzione idrocarburi; trasporto e vendita gas; ingegneria, costruzione, perforazione e manutenzione impianti; ricerca. "L'accordo consentira' - ha dichiarato Massimo De Felice, presidente Inail - di consolidare esperienze sviluppate nelle precedenti collaborazioni e di realizzare nuovi meccanismi di tutela sui temi della prevenzione e della sicurezza". Inail, Confindustria Energia e le organizzazioni sindacali svolgeranno congiuntamente la pianificazione, la programmazione e l'organizzazione generale dei piani di attivita', attraverso un Comitato paritetico di Coordinamento composto rispettivamente da tre rappresentanti per Inail e per Confindustria e da un rappresentante per ogni Organizzazione sindacale. Il Comitato paritetico di Coordinamento predispone inoltre i piani semestrali e annuali delle attivita' e dei progetti, delineando gli indirizzi tecnici e organizzativi, la programmazione, le procedure di monitoraggio dello stato di realizzazione delle attivita' e del livello di raggiungimento degli obiettivi. (AGI) Red/Gio