(AGI) - Roma, 20 giu. - "Il fatto che l'Enel si proponga come industria di primario livello nel mondo e' un fatto importante per tutto il sistema paese. Occorre valorizzare la funzione sociale che questa azienda svolge sia per la delicatezza del servizio, sia per il mantenimento dei livelli occupazionali e degli investimenti. La Cisl e' disponibile ad accompagnare i processi di crescita dell'Enel sul territorio, in particolare per le ipotesi di riconversione di siti produttivi da valorizzare con altre aziende collaterali, sottraendoli a un decadimento industriale e offrendo soluzioni innovative sul piano della sostenibilita' ambientale e dell'innovazione" Anche il Segretario Generale della FLAEI-CISL,Carlo De Masi, dal canto suo, ha rilevato che l'Enel deve tenere in particolare conto la centralita' del nostro opaese, portando, in concreto, il centro degli acquisti di Gruppo in Italia. "Sarebbe auspicabile - aggiunge De Masi - convocare il Comitato Strategico Enel prima di avviare azioni sul territorio. Deve essere posta attenzione alla rete per il suo valore di servizio essenziale per tutti i cittadini. La riorganizzazione del Gruppo - prosegue De Masi - deve tener conto della affidabilita' del servizi in ogni area geografica. Occorre pertanto non sguarnire il territorio e procedere a nuove assunzioni di giovani. Gli accordi sin qui realizzati - ha concluso il Segretario Generale della FLAEI-CISL - sono positivi e di grande valore innovativo, basti pensare ai contenuti di quello scuola-lavoro. Il nostro sindacato e' impegnato a promuovere le azioni positive che potranno essere messe in campo sia nei confronti del Governo sia delle Istituzioni locali". (AGI) Red/Pit