(AGI/AFP) - Buenos Aires, 8 mag. - Il governo argentino ha versato a Repsol 5,4 milioni di dollari in titoli di Stato come compenso per la nazionalizzazione della sussidiaria Ypf, avvenuta due anni fa. La compagnia petrolifera spagnola ha, di conseguenza, ritirato tutte le cause legali relative alla vicenda, sulla base di un accordo siglato con Buenos Aires lo scorso marzo. Prima dell'espropriazione, Repsol controllava il 51% della societa'. Ora l'azienda e' scesa al 12% e punta a vendere quasi tutta la restante partecipazione per restare allo 0,5%. La presidente argentina, Cristina Kirchner, aveva giustificato la nazionalizzazione affermando che Repsol non aveva effettuato gli investimenti promessi. (AGI) Rme/Mau