(AGI) - Baghdad, 26 ago. - La disputa tra Baghdad e il governo regionale del Kurdistan iracheno sull'esportazione di petrolio curdo ha determinato per il governo federale, perdite per oltre 16 miliardi di dollari. Lo ha dichiarato in un comunicato il portavoce del ministero del Petrolio iracheno, Asim Jihad. L'Iraq, si legge nella nota, ha perso a partire dal mese di marzo tra i 300 e i 400 mila barili di petrolio al giorno a causa degli attacchi terroristici contro l'oleodotto tra Kirkuk e il porto turco di Ceyhan. Inoltre, Baghdad e' stata costretta a rinunciare ai proventi determinati dall'esportazione di circa 400 mila barili di greggio venduti autonomamente dalle autorita' di Erbil dall'inizio dell'anno. (AGI) .