(AGI) - Pechino, 26 mag. - Il gigante del petrolchimico cinese, Sinopec, e' pronto a tornare in Iran per lo sviluppo di un progetto petrolifero nei giacimenti di Yadavaran. La mossa del gruppo che raffina la maggiore quantia' di greggio in tutta l'Asia e' un tentativo di ricucire i rapporti tra Pechino e Teheran, dopo che a fine aprile, il governo iraniano aveva annullato un contratto di esplorazione di China National Petroleum Corporation per il mancato raggiungimento degli obiettivi minimi di produzione nel sito di South Azadegan. Dopo l'annullamento dell'accordo, i due Paesi avevano intrapreso azioni diplomatiche per ricucire lo strappo e nelle scorse settimane il ministro iraniano per il Petrolio, Bijan Zanganeh, aveva dichiarato che gli investimenti dei gruppi cinesi erano ancora i benvenuti nel Paese. (AGI) Ciy/Fra (Segue)