(AGI) - Pechino, 24 mar. - Il governo cinese accelera sulla realizzazione dei reattori al torio. Non piu' 25 anni, ma dieci soltanto, per l'entrata in operativita' dei reattori di terza generazione. Il nucleare e' una delle armi che il governo intende impiegare per combattere lo smog, e ridurre la produzione di energia elettrica da carbone, che a tutt'oggi, e' di circa il 70%. Lo sviluppo di energia dal molten-salt thorium permetterebbe alla Cina di sviluppare energia nucleare senza usare l'uranio, elemento di cui la Cina scarseggia, e di sfruttare invece le riserve ben piu' ampie di torio. L'elemento radioattivo viene preparato in una sorta di zuppa con questo sale che permetterebbe di sprigionare un calore molto piu' elevato dalla normale tecnologia nucleare. (AGI) Ciy/Fra (Segue)