(AGI) - Kiev - Vladimir Putin ha accusato le autorita' di Kiev di servirsi del "ricatto" come arma nei negoziati con la Russia sulle forniture di gas naturale e sui relativi prezzi, pretendendo tra l'altro sconti "totalmente ingiustificati". A detta del presidente russo, intervenuto a una riunione degli ambasciatori del suo Paese, consumatori e produttori "coscienziosi" non debbono subire le conseguenze negative delle "azioni dei politici ucraini". .