(AGI) - Baghdad, 5 mag. - Le esportazioni irachene di greggio nel mese di aprile hanno raggiunto i 2,5 milioni di barili al giorno, in aumento rispetto ai circa 2,1 di marzo. Lo ha dichiarato Asim Jihad, portavoce del ministero del Petrolio, aggiungendo che la maggior parte del greggio iracheno destinato all'esportazione proviene dal sud del Paese. Il quantitativo di greggio esportato in aprile resta comunque inferiore rispetto al target stabilito per il 2014 di 3,4 milioni b/g che comprende anche circa 400.000 b/g di petrolio provenienti dalla regione autonoma del Kurdistan. L'aumento delle esportazioni e' stato ostacolato da ripetuti sabotaggi alla pipeline Kirkuk-Ceyhan e dalla disputa scoppiata tra il governo centrale e quello regionale curdo. Recentemente, Erbil ha dichiarato di voler avviare a breve le esportazioni di greggio autonomamente grazie alla costruzione di un oleodotto di collegamento tra Kurdistan e Turchia. (AGI) Red/Ila